Feeds:
Articoli
Commenti

l’8 settembre scorso anche a Roma, al Campidoglio, il Ministero della Difesa ha conferito ai partigiani la “Medaglia della liberazione”, in occasione del 70° della liberazione. Ecco alcune foto della cerimonia.

Il diploma

Il diploma

 

Con l'assessore Luca Bergamo e il prefetto Paola Basilone

Con l’assessore Luca Bergamo e il prefetto Paola Basilone

 

La ministra Roberta Pinotti con la partigiana Jole Mancini

La ministra Roberta Pinotti con la partigiana Jole Mancini

 

Mario Fiorentini, protagonista all'azione di via Rasella, a cui partecipò anche  la moglie Lucia Ottobrini scomparsa da poco. Intellettuale e valente matematico.

Mario Fiorentini, protagonista all’azione di via Rasella, a cui partecipò anche la moglie Lucia Ottobrini scomparsa da poco. Intellettuale e valente matematico.

 

 Il regista Giuliano Montaldo, autore del film "L'Agnese va a morire" e sempre testimone delle vicende resistenziali


Il regista Giuliano Montaldo, autore del film “L’Agnese va a morire” e sempre testimone delle vicende resistenziali

 

molti sindaci della provincia hanno accompagnato i loro partigiani

molti sindaci della provincia hanno accompagnato i loro partigiani

 

Qui la sala con il gruppo festoso al commiato

Qui la sala con il gruppo festoso al commiato

 

Infine, la medaglia

Infine, la medaglia

Da quel terribile mercoledì 24, tutti i valori sono scossi e sconvolti. Franati come le macerie di Amatrice e di Arquata del Tronto. Il dolore e l’angoscia si annidano nei ricordi di passi compiuti in quei luoghi, faticose camminate, immagini di strade e paesi attraversati, di panorami sempre nuovi ad ogni tornante, della visione al valico dove ci si fermava proprio per riempirsi gli occhi di quei profili e di quei boschi multicolori. Ora, ad ogni cronaca o servizio sembra di riconoscere persone incontrate o soltanto viste o si cerca di immaginare sotto le macerie la stradina stretta dentro il paesino di Monte Gallo dove si passava a turno.

Insomma una bella botta al cuore, un bel terremoto anche dentro i pensieri.  Quello dell’Aquila l’avevo saputo da lontano. Ero a Berlino. Dopo ci sono stata due volte, a vedere macerie e palazzi puntellati. Poi niente più macerie nelle strade, palazzi ancora puntellati, ma molte gru e molti operai in giro, e una bella pala d’altare riconsegnata restaurata. Studenti in giro nei parchi e i bei colori dell’auditorium di Renzo Piano.  Emozioni forti anche quelle.

Ora si tratta di fare tutto il possibile, non solo in opere ma anche in più forte amore per questo nostro Paese, che ha tanto bisogno di raddrizzarsi e ricostruirsi non solo nei muri e nei monumenti. E di concordia. Di stringersi solidale, di riconoscere più lucidamente le priorità e i valori.

 

Uno di questi valori è quello dei rapporti umani.

C’è sempre una parentesi nella vita, addirittura una felicità o una sintonia inaspettata. E’ quello che mi è successo martedì, quando ho potuto conoscere di persona Sergio Flamigni ex partigiano romagnolo, ex parlamentare e non-ex studioso e custode instancabile di atti e documenti della nostra storia repubblicana. Accanto a lui la formidabile compagna Emilia Lotti, anch’essa testimone e artefice del faticoso cammino dell’emancipazione femminile, tra Romagna e Italia, tra sindacato, amministrazioni locali e  Unione Donne Italiane.

Abbiamo parlato di tutto, ci siamo dimenticati orari distanze e affanni. Non finirà con un semplice ritorno e un arrivederci. Sarà una partenza, una ripartenza. Già la vulcanica Titti Laudenzi, se non riuscirà a portare lui a Roma nella sua scuola, porterà in queste campagne viterbesi gli studenti della sua classe quinta a imparare la storia dal vivo, da chi l’ha fatta e ancora la fa.

E la tanto riservata Raffaella Cortese finalmente ci ha parlato del suo faticoso lavoro di ricerca storica per la RAI, fatta tra questi scaffali ma anche di faticosi e dolorosi incontri in giro per l’Italia. Il tutto confluito nei programmi di Gianni Minoli e in documentari e filmati, di cui uno su Sant’Anna di Stazzema, da rivedere e riproiettare nei nostri incontri di memoria. E a Sant’Anna, appunto, entro il prossimo anno, Raffaella ci accompagnerà assieme ad un po’ di giovani e meno giovani per farci conoscere luoghi vicende e a incontrare i superstiti di cui è diventata amica.

Insomma, anche da questo incontro si riparte. Persino con allegria e ironia. Raffaella non è riuscita a farci ballare un liscio romagnolo, a noi ex ragazzi del secolo scorso e della scorsa storia. Ma una foto come selfie ce la siamo fatta ed è proprio quella che voglio mettere qui nel blog anche se è la meno bella. Ci siamo tutti. Si vedono gli occhi e i ricci di Titti, il bel volto di Raffaella, l’arguto visetto di Emilia, io dietro con i grandi occhiali e Sergio Flamigni in primo piano, faccia arguta e vissuta, ancora piena di vita e felice,  a dispetto delle oltre novanta primavere.

Jpeg

L’articolo di Repubblica del 25 agosto 2016.

Repubblica

Il testo della lettera che ho scritto all’amico Sergio Staino, pubblicata il 24 agosto su l’Unità.

Carissimo Sergio,

 dovevo scriverti da tempo perché mi sono gustata il tuo “Alla ricerca della pecora Fassina” con vero divertimento, anzi, amaro divertimento. Con una battuta e un tratto di matita riesci a dire di più che un articolo di fondo.  Però ancora non vedo notizie che riguardano il giornale, salvo le “Feste”. Lo sai che le prime in Italia le abbiamo fatte in settembre  a Reggio Emilia nel 46 e 47 e che il loro “capitano”, cioè  organizzatore, responsabile, ideatore era mio marito,allora fidanzato, non ancora venticinquenne e da poco entrato nel PCI.? All’inizio si sono fatte al Parco Terrachini, sulla via Emilia , appena fuori il centro città, e ricordo che il lavoro di costruzione e allestimento degli stand, delle piste da ballo, degli impianti era affidato ai compagni delle “brigate di lavoro”, carpentieri, elettricisti eccetera. Poi le donne volontarie in cucina.  Non so cosa è rimasto di simile, ma alla FestaReggio al Campovolo dove sono stata l’anno scorso ancora il volontariato è ciò che regge il tutto.
Ti scrivo oggi perché sono abbastanza e di nuovo indignata per le polemiche sul referendum del sì e del no. Ho invitato i compagni dell’Anpi che sono per il sì a rompere il divieto di Smuraglia se vogliono salvare l’Anpi dallo sfascio e dal neostalinismo.  Non mi sta bene che  quelli del no, dell’Anpi o della sinistra interna con DAlema in testa, abbiano dal PD e da Renzi tutto lo spazio possibile, tutta la disponibilità possibile. Alla quale poco fa, l’ineffabile Smuraglia ha risposto che un confronto alla pari con Renzi non risolve e ci deve pensare, deve riunirsi coi suoi !!! Pretende di volantinare a favore del no dentro alle feste ! Dice che non sarebbe successo con Togliatti! Certo che no, visto che mai l’Anpi , col bel nome “partigiani” aveva deciso di schierarsi contro l’unico partito di sinistra (o riformatore, vedi il termine democrazia progressiva) a fianco di tutta la destra, neofascisti compresi, xenofobi compresi!
Ho scritto sul mio blog una bella “filippica”  che vi è finita ieri, quindi avrei dovuto metterci anche qualcosa in più.  Ma sono proprio stanca di vedere strumentalizzato  il nome di  partigiani, quindi le nostre vite e i nostri sacrifici in funzione di una battaglia che si spiega solo con l’astio o l’invidia o la voglia di ricicciare  della vecchia nomenclatura che coi suoi fallimenti ci ha portato fin qui.
Se possibile vorrei raccogliere un po’ di “vecchi” e fare insieme qualcosa.  Purtroppo molti sono un po’ svaniti o  spenti e si adagiano per affetto e fiducia cieca a ciò che decide l’Anpi.
Se hai qualche consiglio da darmi te ne sarei molto grata. Oltre  che sul mio blog scriverò su quello de “iMille”, ma non so che effetto può avere. L’8 settembre prossimo siamo chiamati noi di Roma e provincia in Campidoglio dove il prefetto (donna) ci darà le medaglie del governo Renzi , o ministero della difesa. Non so che cerimonia pietosa o commovente potrà essere. Cercherò di chiamare qualche giornalista anche per far vedere che moltissimi di quei “vecchi”  non sono iscritti all’Anpi o non lo sono più.
Ti abbraccio con tanta gratitudine e …. andiamo avanti
Teresa

 

FullSizeRender (2)FullSizeRender

 

 

01-00074537000043 - 25 APRILE 1945 LA LIBERAZIONE - SECONDA GUERRA MONDIALE - PARTIGIANI IN MONTAGNA .

L’Anpi, che ha ereditato la bellissima parola “partigiani” ha preso una decisione politica profondamente sbagliata. Con la pretesa – o convinzione – di difendere la Costituzione ha voluto guidare la battaglia contro la riforma Renzi-Boschi, iniziando la mobilitazione anzitempo, fino dal gennaio di quest’anno. Col risultato di non raggiungere nemmeno il numero delle firme richiesto.

 

Da tempo mi sono schierata per il sì.

 

Da tempo soffro per la strumentalizzazione della parola “partigiani” che poi non si limita alla parola, ma cade su persone, su protagonisti. Mi viene da dire “lasciate in pace i partigiani”, “rispettate i partigiani e le partigiane”. Quei protagonisti sono ormai fragili, a volte quasi spenti. Sono diventata vecchia anch’io che allora avevo sedici e diciassette anni. I lucidi sono forse molti, ma non ci giurerei. Smuraglia e la Menapace sono sicuramente ancora lucidi, ma ritengo che si curino poco degli altri vecchi partigiani ancora in vita e ancora riflessivi. Tant’è vero che nel preparare il congresso si chiedeva ai comitati di mandare i dati sui tesserati, ma non c’era nessuna richiesta di dati precisi su partigiani combattenti e nuovi partigiani. Nemmeno nelle tessere c’è mai stata distinzione, salvo un quadratino da tra combattenti e no. In una circolare prot.169 del 23 settembre 2015, oggetto “Consegna delle medaglie della Liberazione”, l’Anpi stessa dichiara che ci sono state 5.911 domande pervenute e che “Si può ritenere che non meno di duemila siano NON ISCRITTI ALL’ANPI”. Come ammettere che non ci si è mai curati di farne un conteggio distinto. Io non sono molto per le medaglie e a Roma pare che la Prefettura ce le consegni il prossimo otto settembre. Ma le medaglie sono un segno di rispetto ringraziamento e riconoscimento. Questa Anpi, così pronta a combattere in politica col bel nome “partigiani”, non ha mai, nemmeno nel settantesimo, stampato una tessera leggermente diversa tra iscritti “combattenti” e “patrioti” .

 

Entro poi nel merito della riforma costituzionale. Per dire sì o no bisogna guardare ai risultati che ne possono venire. Ci sono dei risultati importanti e dei risultati meno importanti o addirittura marginali. Se si mette tutto insieme non si capisce più niente.

 

Tra quelli importanti e innegabili, ci sta la semplificazione procedurale che rende più rapido il legiferare e la ugualmente chiara riduzione dei costi. Ci si può arrampicare dicendo che le spese ci saranno ancora e che quando si è voluto far passare certe leggi si è fatto in fretta. Ma non si può negare che duecento indennità parlamentari in meno e un tetto alle retribuzioni in regione porteranno sicuramente un risparmio. E sui tempi del legiferare, visto che si lamenta un possibile accresciuto potere dell’esecutivo, vorrei commentare che non è stato bello dover forzare. Poi mettiamo in elenco tutte le leggi che senza questo ping pong tra le due camere avrebbero potuto essere approvate anziché rimanere nei cassetti.

 

E ancora si critica il fatto che il senato rimane e con compiti complessi. Era meglio fare qualcosa di più semplice? Era possibile fare meglio? Ricordo soltanto che questa riforma è andata in porto dentro un parlamento con due camere e senza una maggioranza. I grandi commentatori in negativo di questa legge sono non solo di destra ma di estrema sinistra e di una parte del PD, quegli stessi che hanno perso le elezioni o non sono stati capaci di afferrare una vittoria che era a portata di mano. Sarebbe stato meglio fare come in passato, cioè dire che non ci sono le condizioni e non formulare nessuna riforma? Cioè far passare altri settanta anni?

 

Ultima e più importante considerazione. Cosa succede se vince il no? L’Europa e il mondo che ci vede immobilizzati, impotenti a seguire il ritmo dei tempi e a riformare persino l’anomalia delle due camere. Quindi ininfluenti, incapaci. E con una possibile crisi, con eventualità di andare ad elezioni con due leggi elettorali differenti per camera e senato con esito di sicura ingovernabilità. Prospettiva di un nuovo governo Berlinguer o Cuperlo o Speranza, oppure avanzata degli xenofobi e delle nuove destre, incattivite dallo spettro degli immigrati?

 

Chiedo ai dirigenti e agli iscritti della gloriosa Anpi – alla quale non mi sono più iscritta – di riflettere meglio sulle conseguenze, sulle ragioni principali o effetti secondari di una riforma sacrosanta.

Firma_della_Costituzione

Ho già dichiarato che sul referendum costituzionale esprimerò il mio sì.  Ora cerco di spiegare le motivazione di questo sì. E il mio dissenso verso quella che ritenevo la mia associazione, l’ Anpi, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Prima osservazione.

La più bella Costituzione del mondo è intoccabile nella parte prima.  Infatti non è toccata dalla riforma.

Le modifiche in discussione riguardano la parte seconda, con le modalità dettagliatamente indicate. Già negli anni della stesura di quel testo, noi che c’eravamo e stavamo particolarmente attenti ad ogni polemica, sapevamo che c’erano dubbi e dissensi proprio su questo punto del bicameralismo. Sapevamo fin da allora che sarebbe stato necessario modificare questa parte. Anzi, viste le lungaggini e i balletti dei passaggi decisionali tra i due rami del parlamento, non immaginavamo che potessero passare addirittura settanta anni prima di vedere andare in porto una così prevedibile riforma.

Seconda osservazione.

Quelli del no tirano sempre in ballo il “combinato disposto” – termine oscuro e burocratico –  della nuova legge elettorale. In questo modo nascondono che il referendum non riguarda la legge elettorale. Tirano in ballo questo tema per dimostrare che  il potere esecutivo, cioè il governo, avrebbe troppi poteri  e  pochi controlli.

Il  potere di  agire, per un governo,  non è una cosa negativa, visto che i governi  devono governare, cioè agire, decidere, fare.  In molte democrazie, ci sono governi o presidenti che hanno grandi poteri decisionali, ma nessuno direbbe che questo potere mette in pericolo la libertà e la democrazia.  Dovremmo ricordare tutti i tira molla e gli inciampi  di nostri governi nati  a mosaico, frenati o immobilizzati da ricatti o protagonismi   dei  partitini in coalizione. Basta ricordare  le 35  ore di Bertinotti, che  hanno fatto cadere Prodi e avviato la rinascita di Berlusconi. Si dovrebbe anche ricordare che i controlli all’operato dei governi restano prima di tutto nel Parlamento, con tutte le sue commissioni e con il voto di aula e di fiducia. Poi ancora rimangono alla Corte costituzionale, al Presidente della Repubblica e addirittura alla possibilità dei referendum, aggiornati e allargati.

Senza contare che il potere di controllo più grande è il voto dei cittadini.

Quelli del no aggiungono inorriditi, che con questi generosi premi di maggioranza, potrebbe vincere Salvini. Come dire che per la paura che vinca l’altro, rinuncio alla possibilità di vincere io! Come dimenticare che la sostanza della democrazia sta proprio nella possibilità dell’alternanza.  Anzi in democrazia l’alternanza è  proprio prevista, auspicata, resa possibile.

Su questo tema della legge elettorale viene sempre fuori la lagnanza sui “nominati”. Come se si potessero compilare delle liste di candidati senza che qualcuno, all’inizio, inviti, proponga o chiami e, dopo,  qualcun  altro accetti, sia disponibile  o si auto-candidi.  Noi, poi, abbiamo le primarie, imperfette forse, ma dove ci si può inserire anche autonomamente.

Su questo argomento vorrei osservare che non potrà mai essere definito “nominato” chi entra in parlamento o al comune o alla regione  con molti voti.  E’ il consenso dei votanti che rende valida ed effettiva una scelta e una nomina. Chi viene eletto con pochi voti è possibile che sia, di fatto, “nominato”, cioè nominato dalla sua clientela oppure dalla sua corrente.

Anzi, proprio in questi tempi di votazioni amministrative non posso fare a meno di pensare che la rinuncia  al diritto di voto  nasce in buona parte dallo spettacolo di tutte queste polemiche, questi distinguo, queste discussioni di lana caprina. La gente si stanca non solo delle cose non fatte o fatte male, ma anche delle liti e degli strilli  – per esempio su questa riforma costituzionale – che non interessano ed appaiono inutili e incomprensibili. Sfido una lavoratrice, un insegnante o  un professionista a capirci qualcosa nell’intervento di Zagrebeski o dei dottori costituzionalisti del no.  La gente capisce solo che è una lotta tra gruppi e che si vuole fargliela pagare a Renzi.  Una lotta che svilisce la politica e che porta al giudizio che sono tutti uguali e che tutti mirano ad un interesse personale. Perciò porta a concludere evviva i nuovi, i diversi, quelli che sembrano incarnare l’antipolitica.

Altra osservazione sulla riforma fatta male, sul senato che rimane, e sulla immunità.

Argomento di quelli del no è che sarebbe stato preferibile annullare del tutto il senato, invece di mantenerlo con dei “nominati” ai quali per di più verrà concessa l’immunità parlamentare. Si vede che preferiscono che l’immunità rimanga a tutti i senatori conservati  nel numero attuale. Se l’immunità è per questi contestatori insopportabile, potrebbero proporre di mettere mano ad una riforma per togliere o ridurre questo “privilegio” anacronistico.

Sui compiti del nuovo senato, collegati alla correzione delle competenze regionali e statali, nessuno di quelli del no ha il coraggio di intervenire. Si preferisce affermare che nelle regioni si sono verificate le peggiori scorrettezze o illegalità, come se quei personaggi scorretti fossero destinati a confluire nel nuovo senato. Fosse vero, sarebbe sacrosanto, appunto, togliere l’immunità.

Dimenticando volutamente tutti i controlli antimafia e anticorruzione che sono stati attivati e potenziati in questi ultimi tempi, dall’Expo, all’individuazione  dei candidati “impresentabili”.

Altro accenno alle conseguenze di un voto negativo.
Quelli del no che sono di destra, lega, fratelli d’Italia, berlusconiani, cinquestelle e casa pound, dichiarano a gran voce che col loro no vogliono mandare a casa Renzi. Tanto più che lui stesso l’ha dichiarato. Poteva anche non dichiararlo, ma un capo di governo che riceve l’incarico con il preciso mandato di fare le riforme e in particolare “questa” riforma, se è una persona seria sente il dovere di dimettersi. Anche se non l’ha dichiarato prima.  Soltanto un Berlusconi, dopo aver messo a referendum una riforma veramente stravolgente della Costituzione, non ha la coerenza di dimettersi. Forse perché una accozzaglia di norme partorite da un gruppetto ritirato in baita non era nemmeno difendibile.
Invece quelli del no che si definiscono di sinistra, e quelli che adoperano come arma la bellissima parola “partigiani”, anch’essi dicono che è meglio che il governo cada, perché poi si potrebbe fare una riforma costituzionale più corretta, più bella.  Mi si è detto anche che vabbè ne abbiamo cambiati tanti di governi che  possiamo cambiare anche questo.  Ripeto  che tutte queste lotte intestine, queste diatribe, queste polemiche hanno il risultato immediato e sicuro di fare allontanare i cittadini dalla politica e di farli arrabbiare ancora di più.  Mi chiedo: questi personaggi che si ritengono chiaroveggenti, si buttano in una azione politica senza avere presente dove questa andrà a portare il paese?  Oppure è proprio questo che vogliono? Forse per astio o per antipatia o per invidia. Attaccandosi a giudizi e critiche marginali, definizioni superficiali e inconsistenti sulla persona di Renzi, tipo l’età o il carattere. O addirittura sull’avvenenza della Boschi, diventata quasi una caratteristica riprovevole, tanto da definirla velina e amichetta.

Non voglio polemizzare su queste piccolezze.  Ricordo solo che se cade il governo a ottobre non potranno andare avanti tutti gli altri progetti di riforme che stanno sul tappeto comprese quelle in trattativa coi sindacati. Si perderà il prestigio e la forza contrattuale in Europa e nel mondo, si fermerà il cammino della ripresa economica, e, in caso di voto potrebbero vincere proprio i Salvini e i Grillo,  e i ringalluzziti neonazisti e neofascisti. Con buona pace di quei valorosi combattenti che si ammantano della parola “partigiani”.

Se non si vuole riflettere sulle conseguenze delle proprie scelte politiche vuol dire che si manca di consapevolezza. Oppure che è proprio al tanto peggio  tanto meglio che si vuole arrivare.

Ecco qui la trasmissione per i 70 anni della Repubblica, su TV2000, per chi volesse vederla o rivederla. Buona visione.