Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Senza Paura’

Mercoledi 15 maggio a Roma, Università degli Studi ROMATRE, Dipartimento delle scienze della formazione, nelle stanze del MusEd, Museo della scuola e dell’educazione, è stato illustrato il lavoro dei miei scolari e mio di tanti anni fa.  Sono ancora sopraffatta dall’emozione, ma ho il dovere di completare l’informazione e di rimediare alle dimenticanze.

Ora posso elencare le presenze. Prima di tutto quella che ci collegava a Reggio Emilia, la città delle settimane di scambio. Era presente il professor Roberto Zanoni, che è il nipote del maestro Sergio Lusetti. Il Prof. Zanoni è ordinario di chimica alla Sapienza, ma ancora legatissimo alle radici reggiane e ai protagonisti di quel particolare gemellaggio, anzi settimane di scambio, che abbiamo vissuto. So che ha già mandato le foto e le notizie.
Prima di ricordare gli interventi, voglio elencare le presenze, molte a sorpresa.
Tra  i ragazzi del gruppo “Senza Paura” erano presenti addirittura alcuni genitori. Mi si sono presentati il papà e la mamma di Giovanna Capitanio, impossibilitata a venire. ” Al suo posto abbiamo voluto venire noi, papà e mamma”. Non li avrei riconosciuti, sebbene ancora bellissimi. A proposito,   dovrei anche raccontare qualcosa sui padri dei miei ex alunni, protagonisti anche loro di quella avventura.
Con Liliana Pesoli, che pur di venire ha stravolto un suo già pagato viaggio, si è presentata assieme alla madre e alla sorella. Il suo intervento in poesia me l’ha regalato trascritto  su elegante pergamena, bellissima. Spero di poterla pubblicare.
Erano presenti alcune mamme della classe del viaggio a Reggio,  quelle che tanto hanno collaborato. C’era la mamma di Ernesto, il giovane papà che vive e lavora a Barcellona. Poi la mamma di Nicoletta, Assunta,  esperta e guida nel creare le bambole di pezza per le bimbe reggiane. E ancora c’era la mamma di Raffaella D’Angelo, la dolce e bionda ragazza che ancora mantiene legami e contatti con gli antichi compagni di classe, sia vicini che lontani.
Devi citare le presenze dei ragazzi, cioè quelli non previsti nella scaletta dei lavori.  Mi sono trovata dinnanzi non più ricciolina e ora senza occhiali, la cara Cristina di Pilato, che compare, bimba, nella foto della locandina. E’ impiegata in uno studio legale. Poi Raffaella d’Angelo, la dolcissima e ancora biondissima che la prima notte a Reggio Emilia ha confessato di aver sentito un po’ di malinconia, e che lavora all’aeroporto di Ciampino. Con lei è intervenuta Marianna Rossetti. che se ne è andata un po’ prima della fine per  prendere i figli a scuola. Ed ancora ho potuto abbracciare il fantasioso Gianfranco D’Ingegno, ora autorevole psicologo impegnatissimo e motivato.
Altre presenze, quelle di insegnanti colleghi. Laura Dragoni, che da esperta Isef mi ha sempre aiutato in palestra e, dopo, da insegnante parallela nella didattica al tempo pieno. Ed anche Lina Del Curatolo, insegnante alla scuola Media, con la quale si è lavorato insieme per le ricerche e le mostre di “Roma Barocca” e “Roma come un libro”, con  Alberta Campitelli.
Ed ora dirò degli interventi.
Importante e in apertura, l’introduzione del Direttore del dipartimento di Scienze dell’Educazione, professor Massimiliano Fiorucci.(che poi ha voluto la dedica sul mio libro dei racconti),
Breve e filosofico l’intervento di Sandro Portelli, che ha collegato l’esperienza di guerra con quella di insegnante.
Più didattica e articolata la ricca riflessione di Ermanno Detti, direttore di “Articolo 33” e “Il pepe verde”. Gli sono grata perché è lui che ha segnalato al MusEd la nostra avventura.
Molto profonde, anche se concentrate, le relazioni delle docenti universitarie del MusEd,  Carmela Covato,  Francesca Borruso ed Elena Zizioli. Hanno sottolineato la caratteristica femminile, le pagine di un diario e le potenzialità dei materiali archiviati.
Vivissimo e affascinante il racconto di Alberta Campitelli, che è ancora una autorità nell’ambito dei beni culturali e delle ville storiche italiane europee e del mondo. Ha ripercorso quelle esperienze, quei programmi, quella epoca culturale e innovativa del comune di Roma, con i suoi Petroselli sindaco e Nicolini assessore.
A conclusione ed in cima per interesse e concretezza, i quattro interventi degli ex scolari:  Andrea Borrelli, ingegnere, che ha raccontato il viaggio a Reggio;  Nicoletta Lalli, avvocato, che ha fatto una bella e completa riflessione sui dialetti e il bilinguismo; Liliana Pesoli che  il suo emozionante ricordo ce lo ha letto in rima; e Franco Sollazzi, ingegnere, che a braccio ci ha fatto ripensare al valore formativo ed educativo nell’accostarsi agli amministratori, sindaci o dirigenti locali, che hanno in mano le sorti e le scelte della collettività.
Ed ecco, cicliegina sulla torta, la lettura dei tre messaggi arrivati da lontano. Floriana Corlito col suo bel viso e la sua bella voce da attrice, ha dato vita ai messaggi di Ernesto Monacelli che ora vive e lavora a Barcellona dopo anni di esperienze europee, londinesi e germaniche. Più lontana è la voce di Fabrizio Terenziani, della classe più antica, quella di “senza Paura”,  che scrive dal Lussemburgo, ove vive da oltre vent’anni .  E infine l’emotivo saluto da Bologna dell’ex timido Fabio Pepe, che le sue competenze informatiche le esercita accanto alla moglie maestra e alla figlia preadolescente.
E’ mancato il messaggio di Laura Leucci, dalla provincia di Varese, mamma da pochi anni, che fino all’ultimo ha cercato di venire di persona, ma che all’ultimo non ce l’ha fatta. Ci scriveremo.
Con questi ricordi vivi e caldissimi si chiude questa tappa. I dirigenti del Mused e del Dipartimento ci danno appuntamento per l’autunno, quando si guarderà più in grande, in un convegno sui problemi della didattica, della formazione e della cultura di un popolo. A questo punto mi sono detta felice, ho ringraziato e ho raccontato della “medaglia di cartone”
In quegli anni di così nuove e faticose attività, qualcuna delle colleghe aveva sentenziato che alla fine avrei meritato una medaglia di cartone.
Ho detto che questa di oggi è la mia medaglia di cartone. Quella medaglia, inaspettatamente, è arrivata. Ne sono felice. Avrei dovuto precisare che la medaglia spetta prima di tutto  ai ragazzi e un po’ ai loro genitori, ed anche  a chi ci ha aiutato, a chi ci ha compreso. Forse ce la siamo meritata, ma tutti insieme, nessuno escluso.
Insomma, ora andiamo avanti, ancora senza paura, e ancora con entusiasmo.
Devo aggiungere che nel frattempo sono arrivati due messaggi da Reggio Emilia che solo più tardi ho potuto leggere e che ora trascrivo.
Da Gina Trezza, ex insegnante della scuola gemellata di Reggio Emilia:
Noi insegnanti della scuola Italo Calvino di Reggio Emilia, felici che il lavoro scolastico del maestro Sergio Lusetti, uno dei fondatori, sia conosciuto ed apprezzato, siamo convinti  che la memoria sia un prezioso giacimento culturale che arricchisce il presente e contribuisce a costruire un futuro migliore. Viva la scuola”.
Annunci

Read Full Post »